Frantoio tra innovazione, tecnologia e qualità

La tecnologia ha migliorato negli anni gli impianti di estrazione dell’olio di oliva per limitare al massimo l’ossigenazione della pasta e la sua conseguente ossidazione e abbassare il più possibile le temperature di lavorazione. Sulla base di questi principi, il Frantoio Tini ha re-innovato il proprio frantoio passando da un impianto tradizionale a un impianto di tipo moderno, detto anche a ciclo continuo. La scelta di utilizzare questo tipo di impianto nasce dalla volontà di voler ottenere un olio extravergine d’oliva di alta qualità. Solo il connubio tra esperienza umana, tecnologia e innovazione permettono di raggiungere questo risultato.

Processo di lavorazione

Il processo di lavorazione passa per diverse fasi descritte brevemente di seguito. Le olive entrano in frantoio e vengono stoccate in bins idonei, saranno molite tassativamente entro le 24 ore. Una volta defogliate e lavate, le olive vengono inviate al frangitore, quest’ultimo rilascia una formazione continua di pasta di olive. La pasta a sua volta viene sottoposta a un processo di gramolazione in gramole chiuse a temperatura controllata. Successivamente la pasta di olive, addizionata in stabilite proporzioni all’acqua, viene inviata al decanter che la divide nelle sue tre componenti: sansa, acqua di vegetazione e olio mosto. L'olio mosto e parte delle acque di vegetazione sono inviati ai separatori centrifughi. L’olio, durante il suo processo di lavorazione viene “estratto a freddo” con temperature inferiori ai 27° C. Il prodotto ottenuto può contenere delle impurità solide in sospensione, per questo motivo necessita di un periodo di decantazione o di un procedimento di filtrazione naturale, ossia senza l’ausilio di sostanze chimiche. L’idonea conservazione dell’olio a riparo da fonti di calore, luce e ossigeno e una temperatura ottimale di conservazione compresa tra i 14 e i 18° C completano la filiera produttiva.

Processo produttivo

Il processo produttivo dei nostri oli pone particolare attenzione ai seguenti aspetti, che interessano l’intera filiera:

Grado di maturazione delle olive al momento della raccolta (invaiatura parziale della drupa)
Cura nel metodo di raccolta (eseguita manualmente per brucatura o pettinatura)
Attenzione alle modalità e luoghi di stoccaggio
Pulizia e lavaggio delle olive prima della frangitura
Scelta del sistema di frangitura e gramolazione più adatto al tipo di cultivar
Idonei controlli e impostazioni del decanter e dei separatori
Scelta del sistema di purificazione dell’olio: decantazione o filtrazione
Stoccaggio in cisternini a norma
Confezionamento e rintracciabilità di lavorazione

Vantaggi del frantoio moderno

tutte le fasi di lavorazione e trasformazione delle olive avvengono in un ciclo continuo
maggiore concentrazione di sostanze quali polifenoli e vitamina E, con conseguente aumento delle qualità nutrizionali, salutistiche e sensoriali dell’olio
gramolazione in atmosfera controllata che permette di estrarre composti ad elevato valore nutrizionale e antiossidante
pulizia dei macchinari con la possibilità di un lavaggio programmabile per evitare rischi di inquinamento tra una partita di olive e l’altra. Il risultato è un olio di migliore in qualità e igiene
esaltazione della corposità e dell’aroma dell’olio
migliore conservazione dell’olio perché vengono dispersi nelle acque reflue meno polifenoli, ottimi antiossidanti naturali